Comunità Montana del Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




06-07-2014 Lago dei Tre Comuni, torrente Palar (Trasaghis)

In questa escursione, rinviata a causa del maltempo,  avremo modo di visitare parte del territorio dell'ampia "Val del Lago" e di incontrare la straordinaria bellezza di un altro corso d'acqua, il torrente Palar.

Il luogo di ritrovo è a Interneppo (frazione del Comune di Bordano) che gode di una posizione strategica per poter osservare dall'alto il vasto bacino lacustre del lago dei tre Comuni  (detto anche lago di Cavazzo ) il più vasto lago naturale del Friuli, collocato tra i territori dei Comuni di Cavazzo Carnico, Trasaghis e Bordano.

Il solco in cui giace il lago è frutto di una intensa attività tettonica (cioè di movimenti, spostamenti e modificazioni di grandi porzioni della crosta terrestre), ma in massima parte è dovuto all'erosione del paleo Tagliamento che, in epoca preglaciale, incise la valle; il fiume in seguito deviò verso oriente scavandosi un nuovo letto (che è quello attuale). Determinante fu poi il ruolo del ghiacciaio tilaventino, che scavò e ampliò ulteriormente la valle. Al ritiro del fronte glaciale i sedimenti accumulatisi costituirono un sistema di sbarramento al deflusso delle acque e sì originò così un ampio bacino lacustre, corrispondente all'attuale Campo di Osoppo-Gemona, oggi ormai quasi completamente scomparso.

Il lago di Cavazzo, il Lago Minisini e il Lago di Ragogna sono i relitti testimoni di quel maestoso bacino lacustre.

Tutt'intorno ci sono segni di come il paesaggio negli anni sia cambiato: il paesaggio naturale è stato modellato dall'azione dell'uomo che ha lasciato, in questo nuovo "paesaggio costruito", segni di una certa rilevanza, come la fortificazione sul monte Festa e la Pieve di S. Stefano situata sul colle di Cesclans (Cavazzo).

L'accesso per scendere verso le fresche rive del lago avviene attraverso un cancello che immette in una piazzola dove nel 2009, nella ricorrenza del 33° anniversario del terremoto del Friuli, la Comunità Monatana del Gemonese - Canal del Ferro - Valcanale, ha realizzato un monumento dedicato "all'isolatore antisismico". Il viadotto di Somplago, che ben si osserva dal prato di accesso, è infatti il primo esempio di installazione di un dispositivo di isolamento antisismico usato in una struttura a ponte.

Dalla piazzola si imbocca un sentiero che ci conduce nel Parco botanico di Interneppo, il primo tratto del quale si snoda nel Parco Leskovic, dal nome del vecchio proprietario che aveva acquistato il sito con l'intenzione di trasformarlo in un giardino. Dopo una breve discesa si arriva in prossimità delle acque del lago e da qui si prosegue il percorso seguendo la riva occidentale.

Prima di proseguire, avremo modo di visitare la mostra allestista presso il Centro Visite Parco Botanico "Si fa presto a dire sasso:::!" un percorso geo-litologico sui ciottoli raccolti lungo le sponde di questi corsi d'acqua, organizzata dall' Ecomuseo della Val del Lago.

Raggiunta la parte meridionale del lago, si attraversa un ponte edificato nel 2009 che passa sopra al canale emissario delle acque del lago stesso. Al di la del ponte si accede a un'area di riqualificazione ambientale il cui progetto è stato voluto dalla Comunità Montana. L'intervento ha consentito di ricreare le condizioni ambientali precedenti all'arrivo della centrale di Somplago. Sono così stati ricostruiti e valorizzati degli ambienti peculiari quali il canneto e lo stagno con la vegetazione ripariale tipica. Questi sono luoghi di riproduzione ideale per carpe e tinche, ma accolgono anche numerosi uccelli quali il tuffetto, la folaga e il germano reale.

Dirigendosi verso l'abitato di Alesso si raggiunge il torrente Palâr. Questo corso d'acqua lungo circa 10 chilometri è uno dei tanti gioielli che rendono speciali i nostri territori. Superato il lavatoio che si trova a sinistra della chiesa di Alesso si procede per un sentiero dove in breve si raggiunge la prima delle tante "pozze" presenti lungo l'alveo del torrente. È qui che sempre più persone preferiscono trascorrere le afose giornate estive, trovando un assoluto refrigerio nelle fredde e trasparenti acque del torrente.

RITROVO: ore 9.00 - Interneppo (Bordano) parcheggio sulla strada regionale di fronte all'albergo "Alla Terrazza"

per ulteriori informazioni, per aderire all'iniziativa inviare una mail a  info@farfallenellatesta.it, o telefonare al n° 347-1583263 

Galleria Fotografica escursione