02/03/2014 – Lago di Cornino e fiume Tagliamento (Forgaria nel Friuli)

La parola d'ordine di questa seconda escursione è "acqua", e nello specifico il Lago di Cornino e il fiume Tagliamento.

Dal parcheggio della "Riserva Naturale del Lago di Conino" saliremo in direzione nord verso il Centro Visite, dove saremo accolti da una delle persone che da anni, con competenza e dedizione, lavorano alla Riserva.

Sarà questa l’occasione per conoscere uno straordinario uccello, il grifone, e il progetto relativo alla sua reintroduzione che viene portato avanti nella Riserva. La presenza di un carnaio per l’alimentazione di questo avvoltoio richiama anche molti altri uccelli, rapaci (Aquila, Falco pellegrino, Nibbio bruno) e altri avvoltoi (Capovaccaio e Avvoltoio monaco).

Lasciato il centro visite raggiungeremo, nel giro di 10-15 minuti, un belvedere dalla cui posizione strategica si può godere di uno splendido panorama sul fiume Tagliamento e sulle circostanti colline e montagne.

Grazie all’osservazione diretta del territorio sarà facile capire qual'è stata l’incredibile azione di demolizione e modellamento dell’antico ghiacciaio tilaventino. Esso non solo ha eroso e scavato, ma anche trascinato enormi quantità di detriti che hanno originato le colline moreniche. Successivamente allo scioglimento dei ghiacci, una imponente quantità d’acqua ha ulteriormente contribuito alle azioni di erosione, scavo, trascinamento e deposito. Le colline moreniche, formando uno sbarramento alla circolazione dell’acqua, hanno determinato allora la nascita di un immenso lago, oggi ormai quasi completamente scomparso, anche se nella zona permangono piccoli bacini lacustri relitti: il Lago di Cavazzo, il Lago Minisini e il Lago di Ragogna sono i testimoni di quel maestoso bacino lacustre.

Dal belvedere proseguiremo verso il Lago di Cornino, piccolo specchio d’acqua di circa 140 metri di lunghezza e 9 metri di profondità, eppure dotato di un suggestivo fascino grazie alle acque limpide di un intenso colore verde-azzurro. Questo laghetto prealpino di frana è più basso di quasi una decina di metri rispetto al greto del Tagliamento, non ha emissari né immissari: l’alimentazione idrica del lago è garantita da una circolazione di natura carsica e dalle acque della falda freatica della Piana.

Lasciato il lago ci dirigeremo verso il fiume Tagliamento che non è solo "un fiume del Friuli", ma è in qualche modo"il Friuli", dato che il suo bacino idrografico abbraccia l'intera area montana carnica e giulia e ha quindi avuto un ruolo fondamentale nel definire la fisionomia dell'ambiente. Rispetto ad altri fiumi di origine alpina, ha subito una minore antropizzazione ed ha conseguentemente conservato un'importante integrità bioecologica. Tutto questo ci fa capire perché sia stato chiamato il "Re dei Fiumi alpini".

Durante il percorso diverse saranno le tipologie forestali e le associazioni floristiche osservabili, come ad esempio la vegetazione termofila delle rupi sopra al Lago di Cornino, la vegetazione dei terreni alluvionali, la vegetazione del greto del fiume e le boscaglie termofile.

Per aderire all'iniziativa potete scaricare il modulo di iscrizione e comunicare la vostra partecipazione tramite mail a info@farfallenellatesta.it

Per ulteriori informazioni chiamare il n 347-1583263.

Ai partecipanti è richiesto abbigliamento e attrezzatura adatte ad una escursione in natura.

RITROVO: ORE 9.00 presso il parcheggio del Centro Visite della Riserva Naturale del Lago di Cornino (Comune di Forgaria - venendo da Trasaghis si supera sulla sinistra il centro visite e poco più avanti sulla destra si trova il parcheggio).

RIENTRO PREVISTO: verso le ore 12:00-12:30 circa.

In caso di pioggia l’uscita sarà rimandata alla domenica successiva.

La Comunità Montana propone agli escursionisti appassionati di puntare l’obiettivo fotografico per immortalare i paesaggi, i particolari ed i momenti più suggestivi dell’escursione.

Le fotografie che potranno essere inviate a: cm.pontebba@cm-pontebba.regione.fvg.it, (specificando nell'oggetto: "foto escursione del 02-03-2014" ed indicando nome e cognome dell'autore), serviranno non solo ad arricchire l’archivio fotografico del territorio della Comunità, ma verranno proiettate a conclusione delle escursioni effettuate nell’anno e pubblicate sul sito dell'Ente.

 

galleria fotografica escursione